Rimprovero e mandato : Segreto per testimoniare   -  (Marco C. 16: 15-16

 

 

 

"Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato".

                                    

Due versetti importanti. Gesù è risuscitato dai morti, e invita i suoi discepoli ad andare e portare questa meravigliosa prospettiva della buona novella:
<< Il vangelo che salva>> "Andate per tutto il mondo, predicate l’evangelo a ogni creatura"…
E’ un invito enfatizzato, impregnato di entusiasmo, perché il Padre ha già accettato il suo sacrificio per ogni essere umano che crederà in Lui.
(Matteo C. 28: 18) 
Se leggiamo il versetto 14, il versetto che precede questi due, scopriamo che "Gesù appare agli undici mentre erano a tavola e li rimproverò della loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che l’avevano visto risuscitato".
(Marco. 16: 14 )
Nello stesso C. 16: 9-12 viene infatti ricordato: "Or Gesù essendo risuscitato la mattina del primo giorno della settimana, apparve prima a Maria Maddalena, dalla quale aveva scacciato sette demoni. Questa andò ad annunziarlo a coloro che erano stati con Lui, i quali facevano cordoglio e piangevano.  
Essi udito che Egli viveva ed era stato visto da lei, non lo credettero. Dopo questo, apparve in modo diverso a due di loro che erano in cammino verso i
campi; e questi andarono ad annunziarlo agli altri, ma neppure a quelli credettero". (Gesù sulla via per Emmaus  
Luca C. 24: 13-35)
I testimoni della risurrezione erano una donna liberata da sette demoni e due discepoli, da non confondere con gli  undici.
Era una grande lezione da imparare quella di dare credito e peso ai testimoni oculari, poiché questo sarebbe stato il meccanismo e le credenziali necessarie
con le quali loro stessi, avrebbero dovuto predicare con forza e credibilità verso gli altri. Questo "rimprovero" è stato ben recepito dai discepoli.
Dopo la pentecoste, quando cominciarono a predicare pubblicamente, la forza della loro predicazione, oltre alla potenza dello Spirito Santo,
era appunto sostenere che erano stati testimoni oculari.
Le cose di cui parlavano, la trasformazione nella loro vita, "La Nuova Nascita" spiegata da Gesù a Nicodemo
(Giovanni. C 3:1-10), era una realtà vissuta
da loro stessi. La medesima cosa accade oggi: La vera testimonianza di salvezza che tocca i cuori, divenendo credibile, è appunto quella di una persona che
ha vissuto una esperienza personale e radicale col Signore Gesù. Non si tratta di ufficialità, non si tratta di seguire determinate dottrine, non una chiesa
importante e conosciuta, ma si tratta di una relazione Spirituale e profonda col Signore che trasforma la propria esistenza.
Questa è l’esperienza della nuova nascita. Questo è il significato a cui l’apostolo Paolo fa riferimento in Romani C. 6: 1-4.
Il battesimo in Cristo significa essere sepolti con Lui mediante la Sua morte, ma risuscitare attraverso la Sua risurrezione a vita eterna.
Questa è la certezza di chiunque ha gustato la Grazia di Dio. Questo significa Nascere di Nuovo: Essere rivestiti di Cristo.
Questa è la mia preghiera per te  e per quanti sentono il bisogno di salvezza.

"Gesù è l’unico nome che ci è stato dato sotto il cielo per cui abbiamo ad essere salvati"
(Atti C.  4:12)
 

 

                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                                 Past.  Giovanni  Focarazzo