Quali valori scegli...???

 

  

"La Pasqua dei Giudei era vicina e Gesù salì a Gerusalemme: Trovò nel tempio quelli che vendevano buoi, pecore, colombi, e i cambiavalute seduti.    

Fatta una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori dal tempio, pecore e buoi; sparpagliò il denaro dei cambiavalute rovesciò le tavole, e a quelli che vendevano i colombi disse": << Portate via di qui queste cose; smettete di fare della casa del Padre mio una casa di mercato>>.

E i suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: "Lo zelo  per la tua casa mi consuma". (Giov. C. 2: 13-17)

Mentre l’uomo rincorre i suoi inutili valori effimeri, il denaro, il potere ed altre cose quali orgoglio ed egoismo, che ci portano assai lontano dal vivere in senso compiuto ed utile, Gesù cercava di far comprendere che i veri valori sono quelli eterni! La vita eterna! Questi valori, li intuisce un Dottore della legge, Nicodemo, uno dei capi dei Giudei. "Egli venne di notte da Gesù, e gli disse; << Maestro, noi sappiamo che tu sei un dottore venuto da Dio; perché nessuno può fare questi miracoli che tu fai, se Dio non è con lui" >>.  (Giov.3: 1,2)               

Gesù conosce il suo cuore va oltre i complimenti, mette in luce la ragione per cui è andato da Lui e risponde al suo bisogno di conoscenza dei progetti divini, per la salvezza dell’uomo; Nicodemo è alla ricerca della verità, è veramente interessato!...

Gesù gli rispose: << In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio >>. Nicodemo gli disse: << Come può un uomo nascere quando è già vecchio? Può egli entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e nascere?>>. (Giov. 3:3-6)  

Per Nicodemo è molto difficile capire tutto questo… ma spesso lo è anche per noi!                                                                                                                   

Come è possibile nascere di nuovo! La natura ci aiuta a capire … "Un bel giorno un bruco incomincia a tessere intorno al suo corpo un bozzolo e pian piano lo completa. Poi sembra morto, dopo un certo tempo… attraverso una metamorfosi, a noi sconosciuta, esce una bella e variopinta farfalla e, da bruco strisciante, si mette a volare".   

"Qualcuno ha affermato che Dio ci parla al cuore". Anche questa figura, ci parla di una nuova vita, la verità biblica della "nuova nascita".

Gesù rispondendo a Nicodemo sulla questione, affermò: "In verità, in verità ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio". (Giov. 3: 5)  Così è per colui che accetta Gesù Cristo come personale salvatore! Come il bruco che tesse e si nasconde nel suo bozzolo, il credente si nasconde in Cristo e, attraverso una maturazione, difficile da spiegare, avviene il cambiamento.         

Nicodemo replicò a Gesù dicendo: << Come possono avvenire queste cose?>>. (Giov.3: 9)

Una risposta semplice mise Nicodemo in difficoltà. “Gesù gli rispose: << Tu sei maestro d’Israele e non sai queste cose?>>(Giov. 3: 10)  

Noi siamo dei credenti in Cristo, crediamo nella sua morte e resurrezione, come possiamo ignorare e dimenticare  queste verità? La realtà della Nuova Nascita, annulla e rende vane tutte le filosofie umane. Tutti i punti di vista e le riserve umane che si possono elaborare o ragionevolmente avere, bisogna saperle  umilmente misurare e confrontarli attraverso la trasformazione reale della “Nuova Nascita”. Se la nostra vita la mettiamo concretamente nelle mani di Dio, diventa una nuova vita!

“Un giorno un individuo dopo aver ascoltato un messaggio del Evangelo andò dal predicatore con una lunga lista, dicendogli:

<< Se lei può rispondere a questi quesiti, io diventerò cristiano >>. Il predicatore rispose: << Non pensa che sia meglio avvicinarsi in preghiera a Cristo prima di affrontare tutte queste domande? >>.  

Nella preghiera, il cuore di quell’uomo, fu mutato dall’opera dello Spirito Santo e non ebbe più bisogno di spiegazioni… ma ricevette la“Nuova Vita” come Gesù aveva detto a Nicodemo:-

"Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo Spirito". (Giov. 3: 8)

Quale scelta farai? L’apostolo Giovanni ci ricorda: "Il mondo passa con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno". (1Giov. C.2: 17)

Il mio augurio è che tu possa gustare dentro al tuo cuore e nella tua mente, la gioia della Nuova Nascita, la pace interiore che ne procura, la sua beata prospettiva ora, per vivere serenamente, testimoniando nella libertà attraverso la fede, che è un dono di Dio, con scopi e traguardi elevati e gloriosi: Ecco il pensiero di Paolo: “Tutto questo allo scopo di conoscere Cristo, la potenza della Sua risurrezione, la comunione delle sue sofferenze, divenendo conforme a Lui nella sua morte, per giungere in qualche modo alla risurrezione dei morti.    

Corro verso la meta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù;

il quale trasformerà il corpo della nostra umiliazione rendendolo conforme al corpo della sua gloria, mediante il potere che Egli ha

di sottomettere a sé ogni cosa  al fine di ottenere vita eterna. (Filip. C. 3: 10,11,14,21)  

Dunque non solo serenità e pace interiori, ma anche prospettiva e Vita Eterna.                                                                                                                      Esiste qualche altro valore e motivazione superiore alla trasformazione del nostro fisico che da corruttibile verrà trasformato incorruttibile ed eterno?

                               

 

 

                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                                                     Past.  Giovanni  Focarazzo